lunedì, Aprile 15, 2024
HomeTassazione e fiscalitàTassazione a Malta

Tassazione a Malta

Se stai pensando di trasferirti a Malta, è bene conoscere come funziona la tassazione. Apriamo il tema della tassazione a Malta premettendo che nel paese vengono tassati tutti quegli individui che siano domiciliati o che siano abitualmente residenti a Malta.

Qualsiasi persona che sia abitualmente residente a Malta ma non altresì ivi domiciliata risulterà imponibile solo sul reddito generato a Malta, oltre che su qualsiasi reddito estero ricevuto presso Malta.

Tali individui non sono imponibili a Malta sui redditi generati al di fuori di Malta, o che non sono percepiti durante la permanenza a Malta, o ancore per quelle plusvalenze derivanti da asset esterni al paese.

L’imposta sul reddito delle persone fisiche a Malta (IRPEF)

Il reddito maltese è imponibile con aliquote progressive, che vanno dallo 0% al 35%. Lo scaglione fiscale del 35% viene raggiunto con un reddito imponibile annuo superiore ai 60mila Euro.  

La tassazione a Malta prevede le seguenti soglie IRPEF: 9100 Euro (0%), 14500 Euro (15%), 60000 Euro (25%), oltre i 60mila Euro invece verrà applicata l’aliquota massima del 35%.

Dal primo gennaio 2023, i redditi da lavoro dipendente (diversi dai redditi derivanti dalla carica di amministratore) che non superano i 10.535 euro possono essere dedotti dal calcolo fiscale.

I destinatari di redditi derivanti da royalties in qualità di autore di opere letterarie qualificate possono scegliere di tassare l’intero importo lordo di tali redditi con un’aliquota ridotta del 7,5%.

Subordinatamente al rispetto di una serie di condizioni, il reddito derivante dal lavoro a tempo parziale può beneficiare di un’aliquota fiscale ridotta del 10%, pur essendo soggetto ad un limite massimo di 10.000 EUR all’anno.

I contribuenti soggetti all’imposta sul reddito maltese su determinati emolumenti dovuti ai sensi di un contratto di lavoro che richiede lo svolgimento di lavori o mansioni principalmente al di fuori di Malta, possono scegliere di essere soggetti all’imposta sul reddito con un’aliquota forfettaria del 15% se soddisfano determinate condizioni.

Tassazione a Malta: l’IVA

Aprire una Partita IVA a Malta è un obbligo legale per tutte quelle imprese non residenti nel territorio che realizzano operazioni assoggettate ad IVA (ivi denominata “VAT“). L’aliquota IVA ordinaria (VAT) a Malta è pari al 18%. Esistono tuttavia anche ulteriori aliquote ridotte rispettivamente del 7% e del 5% applicabili in casi specifici.

Vi sono inoltre casi di esenzione (VAT allo 0%) per quanto riguarda prodotti alimentari e farmaceutici, o per il trasporto nazionale ed internazionale di persone, anche per scambi intracomunitari.

Per quanto concerne i fornitori di servizi a basso valore aggiunto (ovvero lo scambio di beni e servizi già incorporati nel valore del servizio principale), essi possono scegliere di registrarsi come esenti VAT qualora non superino determinate soglie economiche.

Considerazioni conclusive sulla tassazione a Malta

La tassazione per gli individui non residenti a Malta si applica esclusivamente al reddito ed agli utili imponibili originati nel territorio del paese.

Le persone che sono abitualmente residenti e domiciliate a Malta sono soggette all’imposta sul reddito a Malta sul loro reddito mondiale, cioè su tutto il denaro guadagnato da qualsiasi fonte. 

Gli individui residenti, ma non domiciliati a Malta, sono soggetti a tassazione su qualsiasi reddito prodotto a Malta, nonché su qualsiasi reddito estero ricevuto a Malta. Mentre come abbiamo visto le plusvalenze straniere non sono soggette a tassazione a Malta.

Da ultimo, ricordiamo che le persone residenti a Malta e non domiciliate che ricoprono una carica idonea presso entità autorizzate dalle autorità competenti, come la MGA o la MFSA, possono beneficiare di un’imposta forfettaria del 15% sul reddito derivante da tale impiego qualificato. L’aliquota fiscale del 15% si applicherà per un periodo consecutivo di 5 anni e sarà soggetta a 2 proroghe di 5 anni ciascuna.

Inoltre ricorda che è obbligatorio comunicare la tua residenza fiscale, per questo devi iscriverti presso il consolato italiano come italiano residente all’estero. Se vuoi sapere come iscriversi all’AIRE leggi il nostro articolo guida con requisiti e informazioni necessarie per evitare multe.

RELATED ARTICLES

SOCIAL

5,194FansLike

UTILE PER CHI VIVE ALL'ESTERO

spot_img

I più letti

GIOCA DA TUTTO IL MONDO

spot_img

Gli ultimi articoli

TUTTE LE CATEGORIE

Chatbot

close
send